ATLETICA E COVID-19: AGGIORNAMENTI DALLA FEDERAZIONE

La ripresa delle attività sportive in questo periodo di Covid-19 impone, alla luce delle novità normative susseguitesi, di rivedere gli aggiornamenti.

Di seguito vediamo cosa è possibile fare e in che modo.

1. Ripresa degli allenamenti.

È possibile riprendere in toto le attività di allenamento per tutte le categorie, comprese quelle giovanili.

È obbligatorio ad ogni allenamento consegnare, al responsabile preposto all’ingresso del campo, il modulo di AUTOCERTIFICAZIONE compilato in ogni sua parte.

L’ingresso agli impianti è consentito nel rispetto delle norme igieniche e del distanziamento secondo quanto stabilito dalle vigenti leggi in materia di Covid-19, a tutti i tesserati Fidal.

2. Attività preventive la riapertura.

Predisporre del personale per la raccolta e verifica delle autocertificazioni all’ingresso dell’impianto, nonché per la misurazione della temperatura corporea. Predisporre sempre in questa area il dispenser con liquido disinfettante mani da utilizzare prima dell’ingresso nell’impianto.

3. Igienizzazioni

È obbligatorio garantire l’utilizzazione sicura dei servizi igienici, i quali dovranno essere puliti di frequente durante l’utilizzo dell’impianto. I servizi dovranno essere dotati di carta igienica, salviettine usa e getta e dovranno essere messi a disposizione sistemi di igienizzazione delle mani (es. gel igienizzante alcolico) da usarsi prima dell’ingresso ai servizi e subito dopo (apertura e chiusura porta).

Circa gli spogliatoi, se il gestore ne consente l’utilizzo valgono le regole di distanziamento di almeno 1,5 – 2 mt a persona, evitare il contatto fra gli indumenti e procedere a igienizzazione dopo ogni utilizzo. La Federazione comunque ne sconsiglia l’uso.

4. Contenitori raccolta fazzoletti/tovaglioli di carta

È necessario predisporre per la raccolta di tovaglioli e fazzoletti di carta degli appositi contenitori all’interno dei servizi igienici e in tutti i locali e aree utilizzate. I sacchi, una volta rimossi dagli appositi cestini, dovranno essere inseriti in un ulteriore sacco, chiusi ermeticamente e gettati nell’indifferenziato.

È rigorosamente vietato sputare o gettare gomme da masticare su qualunque superficie dell’impianto.

5. Divieto di assembramento

In tutto l’impianto è vietato creare assembramenti, dovrà essere mantenuta la distanza (tra gli atleti, tecnici, accompagnatori, personale di servizio,..) di 1,5-2 mt e dovrà essere predisposto un percorso di ingresso – uscita in cui non sia mai possibile incrociarsi.

6. Numeri di accesso per sessione

Il numero di accesso consentito è calcolato sul rapporto tra la superficie complessiva dell’intero impianto sportivo espressa in mq e lo spazio riservato ad ogni singolo soggetto avente diritto, che è calcolato in 65,00 mq/individuo.

7. Sessioni di allenamento

Per lo svolgimento delle sessioni di allenamento dei lanci è preferibile, per ragioni igieniche, che ogni atleta utilizzi il proprio attrezzo personale, salvo che il gestore dell’impianto garantisca l’igienizzazione delle attrezzature dell’impianto eventualmente messe a disposizione.

Per gli esercizi di gruppo svolti a terra o per gli esercizi di agilità si dovrà mantenere la distanza di 3 mt tra ogni atleta.

Per l’allenamento delle staffette è necessario igienizzare i testimoni al termine di ogni esercizio.

Per i salti in estensione si dovrà rivoltare la sabbia con una pala o rastrello al termine di ogni salto.

Per le zone di caduta del salto con l’asta e del salto in alto non è più obbligatorio l’apposizione di un telo personale, salvo diversa volontà del singolo atleta. Resta comunque obbligatorio procedere a igienizzazione della zona di caduta al termine di ogni salto.

Per gli allenamenti lunghi si dovrà tenere una buona distanza tra gli atleti sia durante l’allenamento in pista sia nelle aree limitrofe alla stessa. si sconsiglia di svolgere i “lunghi” sull’anello. I test sugli 800 mt andranno eseguiti mantenendo il distanziamento e un atleta per volta.

Per gli allenamenti in palestra/sala pesi, se ne sconsiglia l’utilizzo, salvo sia garantita l’igienizzazione degli attrezzi e delle postazioni.

Per gli allenamenti in ambienti chiusi andrà garantito un adeguato ricambio d’aria.

8. Organizzazione manifestazioni

È consentita l’organizzazione di manifestazioni in pista, su strada (corsa, marcia e nordic walking) e off road (corsa in montagna, trail running e corsa campestre).

Elementi comuni generali:

 Senza pubblico oppure nel rispetto del numero massimo di 1000 spettatori negli stadi all’aperto e 200 negli impianti al chiuso. In ogni caso la presenza del pubblico è consentita solamente tramite prenotazione ed assegnazione preventiva del posto a sedere, nel rispetto del distanziamento interpersonale di almeno 1 metro e con obbligo di misurazione della temperatura all’accesso, compilazione di autocertificazione e utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie.

 Dotare il personale dei sistemi di protezione sanitaria adeguati, secondo le vigenti normative.

 Pianificare la pulizia/igienizzazione dei servizi igienici secondo le vigenti normative.

Predisporre un adeguato numero di dispenser per liquido igienizzante.

Valutare la predisposizione di spogliatoi e docce nel rispetto delle normative vigenti al momento della competizione.

Predisporre un numero adeguato di cestini per la raccolta di spazzatura specifica (fazzoletti monouso, tovaglioli, salviettine umidificate) e per i “rifiuti speciali” quali le mascherine e/o guanti utilizzati dallo staff, secondo quanto previsto dalle vigenti norme.

Prevedere un sistema di ingresso-uscita di atleti, tecnici e personale differenziato dal pubblico e in modo che sia a senso unico.

Nei locali non all’aperto: garantire un adeguato ricambio d’aria.

Decalogo del running:

  • Evitare di fare attività se si ha sintomi influenzali.
  • Mantenere sempre la distanza interpersonale di almeno 1 mt.
  • Usare solo bicchieri monouso o bottiglie/borracce personalizzate.
  • Utilizzare solamente fazzoletti o salviettine monouso da riporre negli appositi contenitori dopo l’uso.
  • Utilizzare sempre la mascherina prima e dopo l’attività fisica.
  • Lavarsi accuratamente le mani con acqua o appositi prodotti di disinfezione, nonché naso, occhi e bocca dopo l’attività fisica.
  • Lavare gli indumenti utilizzati durante la corsa separatamente dagli altri.
  • Manifestazioni su pista.

Sono consentite le gare in corsia con modalità tradizionale dai 100 ai 400 mt con ostacoli e non; nonché la staffetta 4X400, le gare di fondo, di mezzo fondo e marcia in pista con le seguenti limitazioni:

  • 800 n. 12 atleti per serie.

  • 1500 n. 12 atleti per serie.

  • 2000, 3000 (anche siepi) n. 12 atleti per serie.

  • 5000 e 10000 n. 16 atleti per serie, possibilmente suddivisi su due linee di partenza.

• marcia n. 16 atleti per serie, possibilmente suddivisi su due linee di partenza.

  • salti in estensione, salti in elevazione, lanci e prove multiple (secondo quanto descritto sopra).

– Manifestazioni su strada e off road.

Sono consentite manifestazioni di interesse regionale e nazionale non stadia (corsa su strada e off road) con le seguenti limitazioni:

• Partenza con mascherina fino a 500 atleti per scaglione e per i primi 500 metri.

• Partenze separate da adeguato intervallo temporale, al fine di mantenere la distanza tra gli atleti (circa 5 minuti, variabili a seconda del contesto).

• Tra gli atleti deve permanere la distanza interpersonale di 1 mt pre e post competizione.

• Gli atleti dovranno indossare la mascherina prima e dopo la gara (anche nelle fasi di partenza per i primi 500 metri di corsa per le partenze fino a 500 atleti per scaglione).

Per ogni ulteriore eventuale delucidazione è disponibile il consulente, Avv. Andrea Boroni, tel. 388/4747194, e-mail avv.boroni@my.com

Autore dell'articolo: Segreteria